ULTIME NEWS

18.10.2022- NUOVA OMOLOGAZIONE APPROVATA CON REAL DECRETO 889/2022

https://www.mastermania.com/noticias_masters/nuevo-real-decreto-de-homologacion-de-titulos-universitarios-extranjeros-org-7336.html

E' stato finalmente approvato e  pubblicato sul BOE il nuovo real decreto 889/2022 che permette , tra le altre cose, l'omologazione al titolo spagnolo di abogado e che dovrebbe permettere quindi omologazione a Grado en Derecho essendo dallo stesso Real Decreto derogato il vecchio Real Decreto 967 del 2014, ma come sempre dei funzionari spagnoli non bisogna mai fidarsi completamente, vedremo come interpreteranno la norma, ciò si vedrà dopo il recepimento delle prime istanze. 

Si dovrebbe in linea teorica ritornare quindi alla mai dimenticata omologazione che dovrebbe permettere a regime di ottenere il titolo in sei mesi per chi ha una certificazione di spagnolo, otto mesi per tutti gli altri. In ogni caso lo stesso Real Decreto agilizza la procedura di convalida, speriamo che entrambe le fattispecie siano meno restrittive di quelle imposte dall'odiato Real Decreto 967 del 2014. 

Il Real Decreto entra in vigore il 9 novembre e per i primi a accedere alla procedura ci saranno concrete possibilità di terminare entro settembre(funzionari spagnoli permettendo) , in tempo per iniziare il master nell'ottobre del 2023 e quindi poter terminare nel febbraio del 2025 , ottenendo il titolo di abogado. 

Come sempre e come già capitato con il Real Decreto 967/2014 la normativa spagnola è oltremdo interpretabile, visto che la legge è scritta in "stretto burocratese", ad ogni buon conto e per verità espositiva : art 1a) " La homologación de títulos obtenidos en el marco de sistemas de educación superior extranjeros a un título universitario oficial español, cuando este título sea habilitante y conduzca al ejercicio de una profesión regulada por la normativa vigente a tal efecto en España " , parrebbe locuzione non interpretabile in altra maniera, ma meglio come sempre essere prudenti con i burocrati del ministero che già ci hanno abituato alle loro "perle interpretative".

 

UA-29497271-1